Cosmeco

Quali macchinari sono utili per la coltivazione del melone?

giovedì, 17 giugno 2021

Quali macchinari sono utili per la coltivazione del melone?

Le giuste attrezzature e i consigli per coltivare uno dei frutti principali dell’estate

Tra i più apprezzati frutti estivi, dalle ottime proprietà nutrizionali ed organolettiche, il melone è in realtà un ortaggio, che appartiene alla stessa famiglia della zucca, del cetriolo e dell’anguria. Utilizzato in cucina in svariati modi, trova spazio sulle nostre tavole dall’antipasto (celebre con il prosciutto) alla frutta e al dolce. Pianta rampicante della famiglia delle cucurbitacee, si trova nel classico colore arancione intenso, ma anche nella variante dalla polpa bianca.


Come per ogni raccolto, se si vuole ottenere un risultato di ottima qualità, in termini di aspetto e di gusto, è necessario tenere in considerazione le esigenze climatiche e colturali del melone. Per risultare dolce e succoso, infatti, questo frutto ha bisogno di temperature piuttosto calde, intorno ai 25/30 gradi. Tenendo conto di tutti questi fattori, quindi, per ottenere un’ottima produzione sarà necessario scegliere i più adatti mezzi agricoli. Scopriamo assieme quali sono i macchinari Cosmeco consigliati per questa coltivazione.

Come si coltiva il melone?

Come abbiamo detto, il melone necessita di un clima temperato caldo e non molto ventoso, e di un terreno permeabile, profondo, ricco di sostanza organica, con un buon drenaggio che permetta un rapido smaltimento delle acque - eventuali ristagni, infatti, potrebbero far marcire le radici delle piante.

  • Circa tre settimane prima della semina il terreno va vangato e concimato, eliminando erbacce e piante infestanti, che consumerebbero parte degli elementi nutritivi da destinare invece alle piantine fruttifere.
  • Dopo le tre settimane il terreno avrà assimilato le sostanze nutrienti; la semina va fatta a marzo o al massimo ad aprile, nel semenzaio.  Quando le piantine saranno germinate, potranno essere trapiantate nel terreno, con una distanza di circa 60 cm tra l’una e l’altra.

Le piante di melone necessitano di molta acqua e vanno quindi bagnate di frequente (solo intorno alle radici). È consigliabile diradare l’irrigazione una volta che ci si avvicina alla maturazione, per rendere i frutti più polposi e dolci. È invece importante svolgere la cimatura: quando le piante iniziano ad allungarsi, devono essere tagliate obliquamente all'altezza della quarta foglia. In questo modo la pianta svilupperà due rami laterali, su cui poi andrà eseguito lo stesso trattamento. Ogni ramo genererà così un frutto, e da una sola pianta si otterranno più meloni.

Finalmente arriva il momento del raccolto. Questo avviene nei mesi caldi, dalla fine di giugno fino addirittura alla fine di ottobre, nelle aree più torride. Per capire quando il frutto è pronto per il raccolto si può:

  • osservare il picciolo: quando è pronto, il melone presenta delle crepe intorno all’attaccatura del picciolo;
  • osservare il colore del fondo del frutto, o del melone stesso, che assume un colore specifico per ciascuna varietà.

Il frutto viene raccolto tagliando il ramo in modo netto, poco sopra il frutto stesso. Una volta raccolto, il melone va conservato in un luogo fresco e asciutto, o in frigorifero.

I macchinari Cosmeco per la coltivazione del melone

Grazie a uno studio costante di quelle che sono le esigenze dei propri clienti, il team di Cosmeco si impegna a sviluppare tecnologie innovative e creare macchinari personalizzati, per quanto riguarda dimensioni e funzionalità, ideali per diversi tipi di coltivazione, tra cui quella del melone che, come abbiamo visto, ha bisogno di attenzioni particolari. Questo tipo di approccio ha consentito a Cosmeco di ampliare costantemente il suo catalogo e offrire diversi modelli di macchine agricole adatte alla coltivazione del melone. Fra queste, troviamo:

L’utilizzo in serra degli scavafossi, nello specifico, è estremamente utile per realizzare, tra una serra e l’altra, dei canali di drenaggio poco invasivi e per rincalzare il nylon.

Quali vantaggi offrono questi macchinari?

L’obiettivo principale di Cosmeco è soddisfare appieno le richieste dei propri clienti e contribuire in modo significativo a rendere più efficiente il loro lavoro, coltivando e poi proponendo sul mercato meloni di qualità, piacevoli alla vista ma soprattutto gustosi, dolci e con una bella polpa. Per raggiungere questo risultato, l’azienda si occupa di sviluppare e produrre macchinari per la coltivazione del melone in grado di meccanizzare il lavoro degli agricoltori; senza l’aiuto di queste macchine, infatti, il lavoro andrebbe eseguito a mano, con evidenti svantaggi in termini di comodità, precisione e rispetto delle tempistiche. Fra i principali vantaggi offerti dal loro impiego vi sono:

  • Riduzione dei tempi di esecuzione
  • Miglioramento della qualità del risultato finale
  • Semplificazione e velocizzazione del procedimento utile alla copertura del suolo coltivato, attraverso film plastici o tessuti in fibra TNT agro-tessile (pacciamatori)
  • Protezione delle piante da basse temperature e anticipazione del raccolto di qualche settimana (copritunnel)
  • Miglior arieggiamento del terreno tra le file dei tunnel e possibilità di rincalzare il film (rincalza-tunnel)
  • Opportunità di direzionare l’acqua piovana in eccesso e rincalzare il nylon (scavafossi)

Attraverso l’utilizzo dei differenti scavafossi aziendali, inoltre, avrete modo di eseguire rapidamente canali di scolo utili a drenare al meglio il terreno.

Come contattare Cosmeco per avere maggiori informazioni

Se siete alla ricerca di maggiori informazioni sulle macchine Cosmeco utili alla coltivazione del melone, non dovrete fare altro che accedere alla sezione contatti e compilare il modulo presente al suo interno. Nel minor tempo possibile, riceverete tutti i dettagli desiderati o qualora richiesto, un preventivo personalizzato.

Curiosità sul melone

Il melone ha delle ottime proprietà nutrizionali e organolettiche, che sono anche molto utili per il benessere dell’organismo nel periodo in cui viene più consumato, ovvero l’estate. Nella stagione calda è infatti necessario integrare i liquidi corporei, e il melone è uno dei frutti più dolci e dissetanti in circolazione, con una percentuale di acqua che può superare anche il 90%. Ha un’importante quantità di zuccheri, ma è comunque un alimento indicato nelle diete povere di calorie (100 gr di melone hanno solo 33 kcal). È anche molto ricco di vitamine e sali minerali. È altamente consigliato per una dieta equilibrata, favorisce l’abbronzatura e protegge la cute dai raggi solari.

condividi questa pagina